Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS
Consiglio Regionale Lombardo

random_image2.jpg

Il ferrarese Leonardo Fabbri, anima del Trofaglio, in equipaggio con Sonia Cipriani fa sua la 9ª edizione del LessiniaSport, organizzata dal Rally club Valpatena.

«Senza il metodo ideato da quel giovane francese – scrive Gianluca Rapisarda, riflettendo sull’odierna Giornata Nazionale del Braille – le persone con disabilità visiva sarebbero rimaste indefinitamente escluse dalla cultura e dal lavoro. La dodicesima Giornata Nazionale di quest’anno, inoltre, acquista un valore ancora più significativo, alla luce di quella recente Sentenza del Consiglio di Stato, secondo la quale l’insegnante per il sostegno ha il dovere di conoscere il Braille».

MATERA - Agricoltori e Artigiani del cibo realizzano un percorso del gusto per i 50 delegati nazionali giunti a Matera per la dodicesima giornata del Braille promossa dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, in collaborazione con il Club Italiano del Braille.

«Credo che il Braille - dichiara il Presidente Nazionale UICI Mario Barbuto - si porti dietro una sorta di “maledizione” sin dalle sue origini, poiché chi lo osteggiava lo riteneva segregante. Per imparare a leggere e scrivere, invece, il Braille è un indispensabile e insostituibile strumento di conoscenza e di cultura».

I bambini ciechi rischiano di non poter imparare uno strumento importante per la loro formazione culturale: è la denuncia di Nicola Stilla, presidente del Club Italiano del Braille in occasione della Giornata nazionale.

«La continuità didattica – scrive Marco Condidorio – non può trasformarsi in mero elemento di contrattazione sindacale, ma deve restare l’elemento cardine, costitutivo del diritto allo studio dell’alunno e dello studente con disabilità. Per questo, quindi, va guardata con favore l’ipotesi di una legge sulla creazione di quattro nuove classi di concorso per il sostegno, ciascuna per ogni grado di scuola, a partire da quella dell’infanzia».

L’abilismo (dall’inglese ableism) è l’atteggiamento discriminatorio nei confronti delle persone con disabilità.

Blocnotes mese di febbraio 2019, a cura di Massimiliano Penna

Intervista a Evelina Chiocca, Presidente CIIS, Coordinamento Italiano Insegnanti di Sostegno.

Il nostro Paese – scrive Gianluca Rapisarda - può senz’altro vantare una delle legislazioni scolastiche più avanzate ed inclusive del mondo. Tuttavia, nel sistema attuale notiamo i seguenti punti deboli: la carente e insufficiente formazione specifica di molti insegnanti specializzati; la diffusa impreparazione dei docenti curricolari, del personale ATA (Ausiliario Tecnico Amministrativo) e del contesto scolastico nei confronti degli allievi con disabilità. A ciò si aggiunga l’ormai consolidata e “perversa” delega al solo docente per il sostegno degli stessi alunni e studenti con disabilità.

Amici di Penna

penna stilograficaArticoli, interviste e servizi apparsi sui media che trattano i temi della disabilità visiva.
A cura di Massimiliano Penna

Sede

Via Mozart, 16
20122 Milano
Tel. 02 76011893
uiclomb@uiciechi.it
Codice fiscale: 97006460154
Codice IBAN: IT69 E 03111 01604 0000 0000 4658